E CHI HA PIU’ IL CORAGGIO DI DIRE CHE IL BRIDGE NON TIENE?

Data: 28 Febbraio 2018

Caso interessantissimo e in qualche modo “inquietante”.

Le linee guida nel trattamento dei laparocele complessi sono concordi nel dire che la riparazione parietale “a bridge” o “inlay” con protesi biologica è da evitare per l’alto tasso di recidive; nel caso che non vi siano alternative è mandatario l’uso di una protesi biologica cross-linkata.

Questo che ci viene proposto è un caso che ha richiesto un espianto di protesi infetta con consensuale rimozione di una parte consistente di parete addominale; la riparazione è stata eseguita con un vero “bridge” con protesi ancorata con brevi continue ai margini libera del difetto; è stata utilizzata una protesi biologica cross-linkata.

Il risultato a 9 anni dall’intervento è stupefacente: perfetta tenuta parietale senza bulging!!!

Un caso su cui riflettere e aprire una discussione

È necessario essere utenti registrati ed effettuare il login per visualizzare il contenuto richiesto. Sei già iscritto a Webiah? Accedi. Se non sei iscritto: Registrati.