DALLA EVISCERAZIONE ALLA SEPARAZIONE POSTERIORE DEI COMPONENTI: DUE ANNI DI INTERVENTI CHIRURGICI PER LA SOLUZIONE DI UN CASO COMPLESSO

Data: 06 Gennaio 2017

Interessante caso clinico che si evolve nell’arco di due anni di ricoveri e terapie.

I punti salienti possono essere così riassunti:

  • eviscerazione trattata con chiusura diretta dopo due accessi chirurgici mediani per infarto mesenterico esitato in ileostomia terminale e affondamento di colon residuo distale
  • episodi ricorrenti di colecistite acuta che hanno posto indicazione chirurgica. Nell’occasione si è optato per una soluzione globale dei problemi addominali con colecistectomia, ricanalizzazione ileo-colica, laparoplastica sec Rives con protesi biologica cross-linkata
  • infezione parietale trattata “di minima” ed esitata in guarigione spontanea (no VAC therapy né revisione chirurgica) caratterizzata dalla comparsa di estrusione attraverso la piccola breccia mediana di pezzi di protesi biologica infetta
  • recidiva di laparocele con fenomeni occlusivi che ha necessitato reintervento con Separazione Posteriore dei Componenti trans-trasverso (PCS/TAR)
  • all’intervento si evidenzia integrazione completa della protesi biologica.

Ci sono dunque numerosissimi elementi su cui discutere e riflettere.

È necessario essere utenti registrati ed effettuare il login per visualizzare il contenuto richiesto. Sei già iscritto a Webiah? Accedi. Se non sei iscritto: Registrati.